Gestione dei rifiuti

La Direttiva europea.

La normativa di gestione rifiuti italiana ha recepito la direttiva europea con il D.Lgs. 152/06 e successivamente modificato con il D.Lgs. 205/10. Nel 2013 il Ministero dell’Ambiente approva il Primo Programma d’Azione Nazionale con il quale fissa fondamentali obiettivi di prevenzione da realizzare entro il 2020 in linea con gli Obiettivi dell’Unione Europea. Con la Legge di Stabilità 2014 viene approvato alla Camera il Collegato Ambiente, che contiene misure su appalti pubblici, sicurezza e valutazioni di impatto ambientale, dissesto idrogeologico, risparmio energetico, fiscalità Green e Green Economy.

 

La classificazione dei rifiuti.

Le sostanze o gli oggetti che derivano da attività umane o da cicli naturali di cui il detentore si disfi o abbia l'obbligo di disfarsi, sono definiti rifiuti. Vengono classificati secondo l'origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali, e, secondo le caratteristiche in rifiuti pericolosi e non pericolosi.
 

Rifiuti speciali

Rifiuti da lavorazione industriale.
Rifiuti da attività commerciali.
Rifiuti derivanti dall"attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti da trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi.
Rifiuti derivanti da attività sanitarie.
Macchinari e le apparecchiature deteriorati e obsoleti.
Veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.
Altri...

Rifiuti pericolosi

Raffinazione del petrolio.
Processi chimici.
Industria fotografica.
Industria metallurgica.
Oli esauriti.
Solventi.
Produzione conciaria e tessile.
Impianti di trattamento dei rifiuti.
Ricerca medica e veterinaria.

MUD

 MUD e gestione remota.

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (M.U.D.), istituito con la Legge n. 70/1994, è un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, trasportati, intermediati, smaltiti, avviati al recupero e i rifiuti raccolti dal Comune, nell'anno precedente la dichiarazione.
Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) articolato in 6 Comunicazioni, deve essere presentato da parte dei soggetti interessati così individuati: 
1. Comunicazione Rifiuti speciali 
• Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto dei rifiuti; 
• Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione; 
• Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti; 
• Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; 
• Imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00; 
• Imprese ed enti che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall'art. 184 comma 3 lettere c),d) e g)). 

2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso 
• Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali. 

3. Comunicazione Imballaggi 
• Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all'art. 221, comma 3, lettere a) e c) d.lgs 152/2006; 
• Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazione di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. aprile 3 aprile 2006, n. 152. 

4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche 
• Soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005. 

5. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione 
• Soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati. 

6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche 
• Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritte al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento. 
 

trasporto rifiuti

 Analisi del rifiuto, ottimizzazione del processo, raccolta e trasporto.

Un supporto completo alla tua azienda attraverso l’esperienza e l’aiuto dei nostri tecnici per analizzare e soddisfare con precisione  qualsiasi tipo di esigenza. Una team di esperti con grande esperienza ti affiancherà nella definizione delle ottimizzazioni dei tuoi processi produttivi. Una presenza discreta sempre al tuo fianco, con mezzi operativi sul territorio e convenzioni con impianti di smaltimento e recupero per garantire alla tua azienda le migliori condizioni tecnico-economiche.
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici e di sessione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi